Categorie

logonew2.jpg
icona2mosler.jpg
copertina-rd-114x150.jpg

ReteMMT Facebook

INIZIO FILM ANTICIPATO alle 20.30
domani venerdì 26 maggio Warren Mosler alla proiezione di PIIGS
... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

ANTICIPATO ORARIO INIZIO FILM alle 20.30. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Rete MMT updated their cover photo. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Posts tagged "pd"

MONTI DA IL VIA ALL’ULTIMA FASE DI DEMOLIZIONE DELL’ART. 47

Il processo di eversione passa alla fase 2. La Costituzione esistente (Art. 47)

“(…) incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme;

disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito. 

Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.”

Ma attualmente, invece:

1) La possibilità che il settore privato accumuli in aggregato risparmio finanziario  è ostacolata dal pareggio di bilancio inserito in Costituzione;

2) Non è la Repubblica che controlla il credito ma, al contrario, i creditori controllano la Repubblica, istituzionalizzando politiche fiscali che danneggiano la maggioranza della cittadinanza;

3) Mario Monti suggeriva ieri (LINK) di aumentare la tassazione sulle case di proprietà, per ostacolare le famiglie che cercano di avere la proprietà dell’abitazione;

Ovvero Monti propone di completare la demolizione dell’Art. 47 della Costituzione. Questo raggiungerebbe due obiettivi:

a) Obiettivo sociale: (LINK) “Le riforme non hanno solo un fine economico, ma anche e soprattutto sociale perché servono a modificare la mentalità lavorativa degli italiani“, come spiega Taddei, del PD. È un’operazione di ingegneria sociale. Gli italiani devono abituarsi a non poter pensare al futuro, a vivere nel terrore. Le riforme servono a indurre sofferenza sociale e accettazione 

b) Obiettivo strettamente economico: il trasferimento massivo della proprietà di beni reali. La proprietà diffusa e popolare (quella prevista in Costituzione, per quanto lontana dall’essere attuata) sarà trasferita a gruppi finanziari che arriveranno a gestire in regime di oligopolio il mercato degli affitti, prelevando rendite finanziarie costanti e sicure dal reddito dei residenti in affitto. Il processo è già in atto (LINK), e di recente supportato dall’istituzione del Mutuo vitalizio ipotecario.

È un progetto articolato e strutturato di eversione della Costituzione, non c’è altro modo per definirlo.


Print pagePDF page

Il sacrificio è necessario per il vostro bene

Oggi Giovanni Zibordi su monetazione.it spiega che in Italia e in Grecia “…la maggioranza della gente accetta l’euro e l’austerità. E’ inutile per ora agitarsi su questi due temi specifici più di tanto, per ora la BCE e la UE hanno vinto e lo noti anche dal tono della polemica sui media e in politica in Italia, dove sia la Lega che il M5S ora parlano di altre cose più che dell’Euro”

Sarebbe incredibile, ma se ci si guarda in torno si capisce rapidamente il perché. Dopo 4 anni di disastro senza fine alimentato dall’austerità, c’è ancora oggi incessante l’attività dei sacerdoti alla Pietro Ichino, secondo cui Monti ha bloccato l’indicizzazione delle pensioni per “salvare il Paese

 

senza che sia chiaro “salvare da cosa”.

Non è “uno qualunque”, probabilmente non ha neanche lui idea di “salvare da cosa”, ma deve officiare il rito. È una vecchia usanza, la struttura della frase, stra-collaudata, è:

per salvarti da X (= minaccia terribile ma indefinita)

devi fare Y (=sacrificio)

che amministro io. È per il tuo bene.

 

I sacrifici animali sono, evolutivamente, un passaggio successivo a cui non siamo ancora giunti.

Ma il meccanismo funziona per ora, non da segni di cedimento.

(n.b.: i sacerdoti che vacillano vengono messi da parte, il rito non è un pranzo di gala)


Print pagePDF page

C'era bisogno di Geithner? Noi abbiamo Prodi.

Come noto, il Financial Times pubblica, (poi ripresi da lantidiplomatico.it) i commenti di Timoty Geithner sulla Grecia, e il comportamento efferato dei vertici UE verso gli ellenici:

Daremo ai greci una lezione. Sono veramente terribili. Ci hanno mentito. Hanno succhiato e si sono approfittati della situazione e li schiacceremo”

Bene, abbiamo scoperto che il vertice UE è composto da criminali. Ma c’era bisogno di aspettare Geithner? Questo è Prodi nel 2012:

prodi

Non di nascosto, non “rubato” in un’intercettazione. Pubblicato sul Messaggero. Denunciato dal movimento MMT in Italia ormai quasi tre anni fa.

E gli stessi che da oggi e nei prossimi giorni inizieranno a belare contro l’insostenibilità dell’Euro sono quelli che lo avrebbero voluto Presidente della Repubblica. E sì, sarebbe stato all’altezza del ruolo, questo è evidente.


Print pagePDF page

Pigliaru Economics, lezione 1: il caso IGEA

pigliaru 22

Come già segnalato per tempo, la storia professionale di Pigliaru, il Mario Monti sardo, è limpida. Lo era ancora di più fino a inizio 2014, perchè all’inizio della campagna elettorale come candidato presidente del centro-sinistra ha rimosso il suo blog, di cui si trova ormai solo qualche traccia su Webarchive.

E così durante la campagna elettorale è avvenuto un fenomeno singolare. Un bel pezzo del “giornalismo sardo”, che avrebbe dovuto CONOSCERE E CAPIRE la proposta di Pigliaru, si è distratto un po’, si è fatto un po’ prendere la mano:

sardinewus

 

Da giornalisti a ultrà di Pigliaru il passo è (stato) breve.

Altri probabilmente, vari partiti “di sinistra” non hanno neanche capito quello che facevano, vista la totale e profonda ignoranza macroeconomica che dimostrano da anni. Dei sovranisti già si è scritto: in stragrande maggioranza a sostegno di Pigliaru.

Tutto questo ha permesso che in campagna elettorale un candidato dichiaratamente pro-austerity come Pigliaru abbia ricevuto ad esempio anche il voto dei minatori IGEA, che da quattro mesi non ricevono lo stipendio e ora si stanno rinchiudendo nei pozzi per protestare. C’è chi, tra loro, dichiara di aver votato Pigliaru, il candidato favorevole ai tagli alla spesa pubblica da cui provengono i loro stipendi.

È colpa loro? Sono stati ingenui? O è colpa di chi li ha mal consigliati? Ingenui analfabeti economici che in campagna elettorale hanno tenuto nascosta la lezione n.1 del corso di Pigliaru-Economics. Per Pigliaru:

1) il problema della politica sarda è la spesa pubblica 

2) la soluzione NON è rivendicare più trasferimenti dallo Stato

Vediamo cosa ha scritto ad esempio nel 2013:

pigliaru

Cioè la soluzione per Pigliaru è ridurre i deficit, come sta cercando di fare. Peccato che ridurre i deficit significhi far aumentare la disoccupazione, cosa che questa allegra combriccola di ignoranti non dà segno di comprendere; e così credevano e credono di risolvere la disoccupazione organizzando i convegni sul genere “Il finocchietto selvatico sardo come motore di sviluppo locale“.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=FiUxPXdnXtM&feature=youtu.be]

E per chiudere, qual è esito verso cui si dirige la vicenda IGEA? La giunta Pigliaru propone riduzione di personale ed ammortizzatori sociali. In pratica il tentativo è quello di spostare il deficit dalla Regione allo Stato, ma con la differenza che il trasferimento fiscale a fronte di acquisizione di lavoro diventerà semplice erogazione di reddito di sussistenza. Perfettamente in linea con il modello Eurozona per il sud-Europa.

E con il modello del presidente Pigliaru.

 


Print pagePDF page

Date un machete ai vostri bambini

Il PD è ormai fuori controllo,a Piacenza hanno deciso di levare le merendine ai bambini delle scuole per educarli meglio:

http://popoffquotidiano.it/2014/09/23/assessore-elimina-la-merenda-ai-bambini-elementari-per-educare-meglio/

C’è poco da dire, qui. Non si sa quale sarà il prossimo passo. Forse aspetteranno i bambini di rientro da scuola, li pesteranno e gli leveranno gli spiccioli dalle tasche?

Quando tornate a casa date un ceffone ai vostri bambini, ed un machete. Educateli per il futuro che li attende:


Print pagePDF page