Categorie

logonew2.jpg
icona2mosler.jpg
copertina-rd-114x150.jpg

ReteMMT Facebook

INIZIO FILM ANTICIPATO alle 20.30
domani venerdì 26 maggio Warren Mosler alla proiezione di PIIGS
... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

ANTICIPATO ORARIO INIZIO FILM alle 20.30. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Rete MMT updated their cover photo. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Posts tagged "mmt-3"

GRECIA, VINCE IL NO. E ADESSO?

Come già successo in passato (bocciatura della Costituzione europea nel 2005 in Francia e Olanda, bocciatura del Fiscal Compact in Irlanda nel 2008) una consultazione popolare, questa volta in Grecia, ha rifiutato quello che la tecnocrazia europea aveva deciso e intendeva imporre (…)

(prosegue su ReteMMT.it: LINK)


Print pagePDF page

WARREN MOSLER SUL MIGLIORAMENTO EUROZONA

12unibg_1

 

 

Le previsioni indicano un modesto miglioramento ampiamente dovuto all’indebolimento dell’Euro che ha facilitato le esportazioni.

Ad ogni modo, l’Euro è su bassi livelli a causa delle vendite massicce da parte delle banche centrali estere, probabilmente dovute a timori sulla politica BCE e sulla saga Greca.

Questa liquidazione tecnica ha portato l’euro verso il basso e verso l’alto il surplus delle partite correnti dei 19 paesi membri, assorbendo gli euro che i portafogli [finanziari]stavano mettendo in vendita.

Read More →


Print pagePDF page

Il sacrificio è necessario per il vostro bene

Oggi Giovanni Zibordi su monetazione.it spiega che in Italia e in Grecia “…la maggioranza della gente accetta l’euro e l’austerità. E’ inutile per ora agitarsi su questi due temi specifici più di tanto, per ora la BCE e la UE hanno vinto e lo noti anche dal tono della polemica sui media e in politica in Italia, dove sia la Lega che il M5S ora parlano di altre cose più che dell’Euro”

Sarebbe incredibile, ma se ci si guarda in torno si capisce rapidamente il perché. Dopo 4 anni di disastro senza fine alimentato dall’austerità, c’è ancora oggi incessante l’attività dei sacerdoti alla Pietro Ichino, secondo cui Monti ha bloccato l’indicizzazione delle pensioni per “salvare il Paese

 

senza che sia chiaro “salvare da cosa”.

Non è “uno qualunque”, probabilmente non ha neanche lui idea di “salvare da cosa”, ma deve officiare il rito. È una vecchia usanza, la struttura della frase, stra-collaudata, è:

per salvarti da X (= minaccia terribile ma indefinita)

devi fare Y (=sacrificio)

che amministro io. È per il tuo bene.

 

I sacrifici animali sono, evolutivamente, un passaggio successivo a cui non siamo ancora giunti.

Ma il meccanismo funziona per ora, non da segni di cedimento.

(n.b.: i sacerdoti che vacillano vengono messi da parte, il rito non è un pranzo di gala)


Print pagePDF page

Workshop in Università di Bergamo su Full Employment AND Price Stability

Workshop 21.4.2015 in Università di Bergamo, su Full Employment AND Price Stability,

Progettato e coordinato dalla Prof.ssa Anna Maria Variato
Warren Mosler con l’intervento “Massimizzare la stabilità della valuta in un’economia monetaria”
– Daniele Basciu, ReteMMT, con “Piena occupazione e stabilità dei prezzi: l’impossibile razionalità dello Stato
– Prof. Stefano Lucarelli, (Università di Bergamo) con “Employer of last resort, alcuni passi in avanti, a partire dall’approccio MMT
– Prof. Damiano Silipo (Università della Calabria) sui Limiti dell’approccio mainstream nel prevedere e comprendere la crisi finanziaria del 2008, e l’importanza del contributo MMT
– Prof. Riccardo Bellofiore (Università di Bergamo) con un intervento su Relazione tra conflitto di classe, instabilità, intervento dello Stato nell’economia e Employer of last resort


Print pagePDF page

l'UE STA DIVENTANDO UNO SCANTINATO

L’Unione Europea sta lentamente diventando qualcosa di simile a uno scantinato dove lavora manodopera sottopagata (se ha la fortuna di avere un lavoro).

http://ec.europa.eu/

 

La relazione della Commissione Europea, in prima linea nella cinesizzazione del continente, evidenzia che mentre il tasso di crescita PIL UE striscia intorno all’1% , il tasso di crescita investimenti reali sprofonda sotto zero (v. grafico sopra).

L’esito probabile sarà un costante impoverimento dello stock di capitale materiale e immateriale esistente in UE, mascherato parzialmente (nella percezione  e nell’immagine veicolata dai media) dall’incremento dei volumi dell’export. Per avere volumi di export in crescita saranno ridotti i salari. Il processo ricalca quanto accaduto in Italia negli anni ’90, quando i buoni risultati dell’export in settori spesso a basso contenuto tecnologico nel breve periodo si accompagnarono agli  effetti derivanti dall’indebolimento tecnologico del sistema produttivo italiano, effetti in buona parte connessi allo sbriciolamento del sistema produttivo delle partecipazioni pubbliche.

Di fronte a produttori capaci di pagare salari ancora più bassi il sistema si è schiantato (o è stato delocalizzato), ed è scomparso sia l’export che il patrimonio di capitale, know-how, etc.

In UE è evidente che gli esportatori hanno preso il controllo della situazione, i salari potranno essere compressi verso un valore limite che tende a zero.

 


Print pagePDF page