Categorie

logonew2.jpg
icona2mosler.jpg
copertina-rd-114x150.jpg

ReteMMT Facebook

INIZIO FILM ANTICIPATO alle 20.30
domani venerdì 26 maggio Warren Mosler alla proiezione di PIIGS
... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

ANTICIPATO ORARIO INIZIO FILM alle 20.30. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Rete MMT updated their cover photo. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Posts tagged "draghi"

COSA FA DRAGHI SE IL QE NON HA FUNZIONATO?

draghi qe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sull’edizione di domani il Financial Times riporta le intenzioni imminenti di Draghi:

la BCE ha fatto partire il QE da mesi per “stimolare l’economia“. Ora Draghi annuncia che farà una verifica, e se il QE non è servito a rilanciare l’economia, se non ha funzionato, Draghi promette un altro po’ di QE .

È davvero una comica.


Print pagePDF page

GRECIA: PER USCIRE DALLA BUCA SCAVERA’ PIU’ IN FONDO?

Sembra che la favolosa storia della Grecia stia per concludersi (male).

Per uscire dalla recessione Tsipras propone oggi un aumento della pressione fiscale.

LINK

La Grecia è oggettivamente in una posizione difficile; l’idea di Grexit non supportata o quanto meno non osteggiata dagli USA non sembra proponibile, vista la collocazione geografica della Grecia tra Mediterraneo e Russia. Gli USA hanno chiaramente comunicato di non gradire l’ipotesi, e presumibilmente non è arrivata dalla Russia un’opzione alternativa rassicurante. Il vero vincolo esterno sembra questo, più che quelli finanziari imposti (e la pressione BCE), ed è come sempre un vincolo materiale.

Al tempo stesso aumentare le tasse per uscire dalla recessione è qualcosa che è completamente privo di senso.

Tutto il folklore “italiani greci una faccia una razza, il potere al popolo” sta per essere riposto nell’album dei ricordi insieme a tante altre petizioni e campagne su facebook. Scegliere OXI era tutto ciò che potevano fare gli elettori greci, ma non sembra sarà sufficiente se il risultato sarà un taglio del debito pregresso con la permanenza nell’attuale struttura istituzionale €zona e futuro incremento di tasse.


Print pagePDF page

GRECIA, VINCE IL NO. E ADESSO?

Come già successo in passato (bocciatura della Costituzione europea nel 2005 in Francia e Olanda, bocciatura del Fiscal Compact in Irlanda nel 2008) una consultazione popolare, questa volta in Grecia, ha rifiutato quello che la tecnocrazia europea aveva deciso e intendeva imporre (…)

(prosegue su ReteMMT.it: LINK)


Print pagePDF page

GRECIA: FINO A QUI TUTTO BENE

La prima annotazione è che il rendimento dei bond da Venerdì a oggi è in calo netto, per cui sembra che al dio dei mercati non dispiaccia l’andamento della trattativa in corso (AGGIORNAMENTO: anche se c’è un po’ di maretta  e le ultime rilevazioni sono un po’ altalenanti. Si possono seguire su Bloomberg)

La seconda è che l’ottimo Oscar Giannino ha sentenziato che Tsipras sta ottenendo un buon risultato:

og

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ci si può fare un’idea leggendo qui la proposta greca del 22/06, rilanciata dal blog “Tra Gli Squali Di Wall Street“: LINK

Stiamo a vedere, fino a qui tutto bene.

 


Print pagePDF page

OTM, BCE e Corte Giustizia UE: DAL MOMENTO CHE FUNZIONA E’ AMMESSO, MA NON TROPPO.

Il comunicato (LINK) con cui la Corte di Giustizia UE annuncia di considerare legittimo l’annunciato (Settembre ’12 con pre-annucio a Luglio) intervento di OTM da parte della BCE ha alcuni punti significativi:

“The ECB has asserted that simply making the announcement about the OMT programme was sufficient to achieve the effect sought, namely to restore the monetary policy transmission mechanism and the singleness of monetary policy. More than two years after that announcement was made, the programme has still not been activated”

 

La BCE si dichiara consapevole del fatto che la semplice potenziale “promessa di garanzia” del monopolista della valuta sui debiti denominati in Euro avrebbe neutralizzato i mercati (e questo è avvenuto in una certa misura)

2015-06-16 22_53_01-WTO _ 2013 Press Releases - Trade to remain subdued in 2013 after sluggish growt

“The Treaties permit the ECB and the national central banks to operate in the financial markets by buying and selling outright marketable instruments in euro”

La BCE può comprare e vendere beni finanziari già esistenti, per cui non creerebbe niente ex novo. Opererebbe verso crediti/debiti già esistenti. [Non “monetizzerebbe“]

Inoltre l’intervento ipotetico è ammesso in quanto non atteso come automatizzato (ok ad acquisti di bonds solo sul mercato secondario, solo dopo un lasso di tempo dall’emissione). E soprattutto:

“not be used to circumvent the objective of prohibiting the monetary financing of the Member States, since that objective seeks to encourage the Member States to follow a sound budgetary policy (…) prevent the conditions of issue of government bonds from being distorted by the certainty that those bonds will be purchased by the ESCB after their issue

Ricapitolando, il succo della sentenza è : dal momento che l’intervento del monopolista degli Euro (la BCE) funzionerebbe (neutralizzando le forze del mercato) occorre fare in modo che non funzioni troppo bene e che gli Stati non “si abituino”. Devono comunque avere paura dei mercati, non devono essere distolti dall’indirizzo della riduzione dei deficit pubblici.

Tecnicamente si potrebbe fare, ma non si potrà fare. Era una trappola dall’inizio.


Print pagePDF page