Categorie

logonew2.jpg
icona2mosler.jpg
copertina-rd-114x150.jpg

ReteMMT Facebook

INIZIO FILM ANTICIPATO alle 20.30
domani venerdì 26 maggio Warren Mosler alla proiezione di PIIGS
... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

ANTICIPATO ORARIO INIZIO FILM alle 20.30. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Rete MMT updated their cover photo. ... Leggi tuttoSee Less

View on Facebook

Adotta un piccolo sudeuropeo a distanza

http://www.provincia.bz.it/intendenza-scolastica/images/Logo_bambini_adottati.jpg

In Sardegna si costruivano i nuraghe quando ancora il resto degli europei viveva nelle capanne. Poi ci fu internet, e il primo quotidiano in Europa ad essere pubblicato online fu l’Unione Sarda. Nello stesso periodo, metà degli anni ’90, c’era il boom del manifatturiero del Nord-Est, e la Sardegna era già oltre, in piena deindustrializzazione, dopo un’industrializzazione completata a metà. Poi il 2000, il boom delle dot.com, e in Sardegna Tiscali, che in borsa quotava più della Fiat (e poi si sgonfiò).

C’è poco da fare, comunque la si rigiri la Sardegna è sempre avanti. Se vuoi capire cosa ti accadrà tra un po’, devi osservare cosa accade oggi in Sardegna. E oggi in Sardegna ci sono le adozioni a distanza. Non nel senso che i sardi adottano a distanza dei bambini africani, quello è il passato. Oggi ci sono studenti universitari sardi a cui lo Stato ha tagliato le borse di studio, e che non potrebbero altrimenti proseguire gli studi, che vengono adottati a distanza da sardi benestanti, che vivono e lavorano in nord-Europa.

Questo evento è stato salutato con gioia, ha anche 44 “mi piace” su facebook ed è descritto come “una bella storia di speranza“.

Ma non è una storia di speranza, è invece la storia della decomposizione di una civiltà, e della follia della superstizione che sta divorando anche il futuro. Prima c’è la follia del presente, i malati di SLA che protestano (e muoiono) perchè lo Stato ha tagliato i fondi dell’assistenza domiciliare perchè “non ci sono i soldi”. Oggi siamo all’assassinio del futuro: lo Stato, cioè la collettività, che non può investire nell’istruzione dei giovani perchè “non ci sono i soldi”, e così c’è bisogno che qualcuno li adotti a distanza. Ci sono gli studenti, ci sono le università, ci sono gli insegnanti, ma “non ci sono i numeri” su un foglio di calcolo. Guardate la Sardegna e pensate che tra qualche anno questo accadrà in tutto il Sud Europa.

E tutto questo perchè un ex-calciatore finlandese, di cui sì e no il 5% degli elettori italiani conosce il nome, anche oggi ha ricordato all’Italia che “restano ancora ampie necessità di aggiustamento”  per i conti pubblici. Questo non è un dramma: è una pagliacciata, è una comica, è un cartone animato.

Non può essere vero che ammazziamo una civiltà perchè ce lo ordina l’ex mezz’ala del Mikkelin Palloilijat.


Print pagePDF page

Tutto in mezza riga

Immagine

Nel mezzo di una grande abbondanza i nostri leader promuovono l’austerità.”

(In the midst of great abundance our leaders promote privation), W. Mosler da Soft Currency Economics.

Non ci sarebbe altro da aggiungere, la follia sta tutta in questa mezza riga.


Print pagePDF page