Tags

201125 Ottobre3%abenomicsAbeteacciaieriaALAIN PARGUEZAlcoaalluvioneausteritàAUSTERITYBallaròBanca CentralebancheBank of EnglandBasciubasi militariBCEBellofioreBergamoBerlusconiBoEBorsaBrunettaBundesbankBusiness and Economybusiness confidenceCamussoCapoterracaseCassa depositi e prestitiCentral BanksCGILcircuitismoCOMMERCIOcomunisticomunisti italianiconfcommercioconfindustriaconsumiCrediti fiscalicreditocrisidagongDavide SerradeagliodebitoDebito pubblicoDecimomannuDecimoputzuDEFdefaultdeficitdeflazionedepressionedisoccupazionedomanda aggregataDraghiecbediliziaelezioniENIesportazioniEUEuroEuropaEuropean UnionEUROZONAevasione fiscaleexportfamiglieFassinaFinlandiafornerofranciaFriedmanfull employmentGallinoGeithnerGermaniagiacomo mameliGianniniGianninoGiapponeGiunta SardegnaGrazianiGreciaGreeceGreekGrexitIchinoigeaimportinflazioneistatjunckerKuwaitlegge di stabilitàLeopoldalercioLettalicenziamentoLinda LanzillottaLucarelliLucidosottilelulaManincheddaMartin ArmostrongMediasetMEMMMEMMTMike NormanminatoriminieremitchellMmtMOGHERINImonetaMoneta modernamonetazioneMontiMoscoviciMoslerMosler EuromuroninapolitanonestlèoroOrwellOTMpablo iglesiasPadoanpareggio di bilancioParguezParlamento Europeopatto di stabilitàPDpdciPETROLIOpiena occupazionePigliaruPILPMIpodemosPortoscusopovertàprivatizzazioniProdiPutinQEQuantitative easingRagioneria di StatoredditoRegioniRenziretemmtrifondazione comunistariformeriserve aureeromaromano prodiRussiasacrificiSalvatore UsalaSan GiovanniSANLURISapelliSardegnaSavonascalfarischultzsectoral balancesSerraservizi pubblici localisharingeconomyshock economySilipoSINDACATIsinistra sardaSLASole 24 OreSorusovranistiSpagnaSpending reviewspesa pubblicaStatoStefano SannaSyrizaTaddeiTASSETata LuciaTchernevaterniTFRtiscaliTITOLI DI STATOTLTROTradingtrojkaTsiprasUCRAINAueultimoraflashUnione Europeaunione sardauscita dall'euroVariatoVaroufakisWarren Moslerweidmannyenzibordi

Flickr Photogallery

Subscribe Newsletter

subscribe with FeedBurner

Il mattone, vecchia arma

Non finito sardo” – Pagina Facebook

http://www.casa24.ilsole24ore.com/art/mercato-immobiliare/2016-02-25/fiaip-rivitalizzare-mercato-case-agendo-tasse-103209.php?uuid=ACI9nmbC

La proposta di FIAIP ( Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) è quella di “diminuzione della pressione fiscale (con l’introduzione di una tassa unica), una normativa sulla rigenerazione urbana, ma anche una radicale riforma delle locazioni” per “rivitalizzare il mercato immobiliare”.

La proposta in sè avrebbe senso, da un certo punto di vista: il mercato immobiliare in espansione tipicamente vede l’aumento di soggetti del settore privato che si indebitano (spendendo più del proprio reddito) e compensano le forme di risparmio esistenti nel sistema. Questa espansione dell’indebitamento innesca un aumento dell’occupazione in particolare in un settore che assorbe ampie sacche di manodopera non qualificata.

Ma non è niente di nuovo. Si tratterebbe di un’espansione del deficit pubblico (la riduzione delle tasse sul settore) finalizzata ad agevolare l’aumento dell’indebitamento privato per finalità private. Concettualmente è lo stesso meccanismo della tolleranza verso l’edilizia fai da te, che storicamente ha lasciato splendide testimonianze architettoniche (vedere foto sopra riportata) ma nel lungo periodo si è dimostrata poco adatta a perseguire finalità pubbliche strutturali

 


Print pagePDF page

Leave a reply

Your email address will not be published.

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *