Categorie

logonew2.jpg
icona2mosler.jpg
copertina-rd-114x150.jpg

ReteMMT Facebook

Il mattone, vecchia arma

Non finito sardo” – Pagina Facebook

http://www.casa24.ilsole24ore.com/art/mercato-immobiliare/2016-02-25/fiaip-rivitalizzare-mercato-case-agendo-tasse-103209.php?uuid=ACI9nmbC

La proposta di FIAIP ( Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) è quella di “diminuzione della pressione fiscale (con l’introduzione di una tassa unica), una normativa sulla rigenerazione urbana, ma anche una radicale riforma delle locazioni” per “rivitalizzare il mercato immobiliare”.

La proposta in sè avrebbe senso, da un certo punto di vista: il mercato immobiliare in espansione tipicamente vede l’aumento di soggetti del settore privato che si indebitano (spendendo più del proprio reddito) e compensano le forme di risparmio esistenti nel sistema. Questa espansione dell’indebitamento innesca un aumento dell’occupazione in particolare in un settore che assorbe ampie sacche di manodopera non qualificata.

Ma non è niente di nuovo. Si tratterebbe di un’espansione del deficit pubblico (la riduzione delle tasse sul settore) finalizzata ad agevolare l’aumento dell’indebitamento privato per finalità private. Concettualmente è lo stesso meccanismo della tolleranza verso l’edilizia fai da te, che storicamente ha lasciato splendide testimonianze architettoniche (vedere foto sopra riportata) ma nel lungo periodo si è dimostrata poco adatta a perseguire finalità pubbliche strutturali

 


Print pagePDF page

Sindacati ed ENI: il bradipo e il leone.

Parlando della totale incapacità dei sindacati in Italia di comprendere quale fosse il progetto di deindustrializzazione per l’Italia va sottolineato un dettaglio. La manifestazione sindacale contro la vendita di Versalis da parte di ENI è di fine 2015.

Si noti ora la pagina “Profilo dell’azienda” (LINK), gli “obiettivi 2015-2018”:

e la presentazione ENI della strategia 2015-2018, pubblicata sul sito e datata Marzo 2015,con obiettivo

taglio del portafoglio chimica del 30%

Era tutto scritto, pubblicato e reso noto in modo trasparente addirittura nelle slide con i disegni nel sito web.

I sindacati hanno impiegato 9 mesi per leggere questa slide e proclamare l’agitazione, praticamente. La lotta del bradipo contro il leone.

 


Print pagePDF page

Prestito vitalizio

Procede secondo le tappe previste il “Prestito vitalizio ipotecario”: LINK

di cui si era già parlato qui: http://www.econommt.com/come-la-rendita-divorera-il-reddito/

Riepiloghiamo di cosa si tratta:

Anziani poveri che per sopravvivere impegnano la casa e ottengono un po’ di cash. Dopo la loro morte gli eredi devono saldare il debito per tenere l’immobile, oppure debbono venderlo.


Print pagePDF page

COSA FA DRAGHI SE IL QE NON HA FUNZIONATO?

draghi qe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sull’edizione di domani il Financial Times riporta le intenzioni imminenti di Draghi:

la BCE ha fatto partire il QE da mesi per “stimolare l’economia“. Ora Draghi annuncia che farà una verifica, e se il QE non è servito a rilanciare l’economia, se non ha funzionato, Draghi promette un altro po’ di QE .

È davvero una comica.


Print pagePDF page

PINO APRILE NON LEGGE I LIBRI DI PINO APRILE

Pino Aprile ha fatto un lavoro importante scrivendo “Terroni”,Giù al sud“, “Terroni ‘Ndernascional“.

Ha ripreso e riproposto una grande mole di lavoro storico già esistente , rendendo “commestibile” per un pubblico il più vasto possibile il fatto che l’unificazione italiana fu in gran parte una guerra di occupazione del Piemonte sulla Sardegna e poi sul Sud Italia.

Ha argomentato per centinaia di pagine come questa fase storica abbia segnato l’inizio del tracollo del Sud, che non è mai terminato.

Poi ha tracciato il parallelo tra questa occupazione e quella della Germania Ovest sulla Germania Est, e della Germania sull’Europa. Per cui, se l’analogia è corretta, si sa come andrà a finire la storia dell’Italia in Europa.

Ma conclude commentando che “siamo cittadini europei” e “non ci puoi fare niente“.

Forse Pino Aprile non ha mai letto i libri scritti da Pino Aprile, e forse fa bene a non leggerli.


Print pagePDF page